Ventisei anni fa la strage di Via Mariano D’Amelio: oggi Borsellino e la sua scorta sono più vivi che mai

      Commenti disabilitati su Ventisei anni fa la strage di Via Mariano D’Amelio: oggi Borsellino e la sua scorta sono più vivi che mai

Ventisei anni fa persero la vita Paolo Borsellino e la sua scorta

Mai come oggi il ricordo di Paolo Borsellino è più che vivo. Il magistrato fu ucciso il 19 Luglio 1992 insieme ai cinque agenti della sua scorta:  Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Il 19 luglio 1992, alle ore 16:58, una Fiat 126 rubata contenente circa 90 chilogrammi di esplosivo, telecomandata a distanza, esplose in via Mariano D’Amelio 21, sotto il palazzo dove all’epoca abitava la madre del magistrato, Maria Pia Lepanto , presso la quale il giudice quella domenica si era recato in visita.

Borsellino e la sua scorta vivono nei ricordi di tutti, particolarmente in questo giorno, come simbolo di lotta alla mafia. Insieme a Falcone. Borsellino rappresenta un’immagine importante e fondamentale dell’Italia, costretta a combattere un cancro come quello che è la mafia. 

 

“È bello morire per ciò in cui si crede; chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola.” 

(Paolo Borsellino)

 

 

Foto: dal web