Reggio Calabria – Polizia di Stato: Blitz nel quartiere Catona di Reggio Calabria

      Commenti disabilitati su Reggio Calabria – Polizia di Stato: Blitz nel quartiere Catona di Reggio Calabria

Dopo il deprecabile gesto dell’incendio del presepe in piazza Municipio di Catona, unanime è stata la condanna da parte delle Istituzioni.

A seguito di un Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, su input del Questore della Provincia di Reggio Calabria, Raffaele Grassi, sono stati pertanto predisposti mirati servizi di controllo del territorio ed attività di prevenzione e monitoraggio nel quartiere.

Il dispositivo prevede l’impiego di ulteriori Forze di Polizia nei luoghi di maggiore affluenza, in diversificate fasce orarie della giornata, per garantire la libera fruibilità degli spazi pubblici e contrastare i comportamenti illegali di soggetti che realizzano condotte vandaliche che arrecano pregiudizi tangibili al resto della cittadinanza.

Nell’ambito della citata attività, ieri sera è stato disposto un massiccio intervento di numerosi equipaggi delle Volanti e del Reparto Prevenzione Crimine di Siderno con il supporto del personale del Gabinetto di Polizia Scientifica di Reggio Calabria.

Gli agenti hanno setacciato le vie e la piazza principale ove sono soliti radunarsi alcuni giovani già attenzionati dalla Polizia di Stato.

Durante i servizi sono state anche controllate 26 persone e 2 veicoli, nonchè 4 soggetti pregiudicati.

La presenza massiccia delle Forze dell’Ordine testimonia l’elevato livello di attenzione che la Squadra Stato rivolge a tutte quelle situazioni che tentato di ledere il principio di rispetto delle regole come fondamento del vivere civile, nella consapevolezza che il buon funzionamento della società deve passare obbligatoriamente da quelle regole necessarie ad organizzare la vita in comune ed a garantire i diritti di tutti.

Nel quartiere di Catona, nei prossimi giorni, saranno inoltre intensificati i servizi interforze straordinari di controllo del territorio nell’ambito del focus ‘ndrangheta.

 

Commenti Facebook