Tutto su Reggina-Racing Fondi: presentazione del match, numeri, curiosità e…

      Commenti disabilitati su Tutto su Reggina-Racing Fondi: presentazione del match, numeri, curiosità e…

Tutto su Reggina-Racing Fondi: numeri, curiosità, probabili formazioni e tanto altro…

La prima dopo il calciomercato. Una gara in cui il pensiero dell’essere ceduto è ormai passato visto il gong di chiusura del 31 Gennaio. Da oggi si penserà solo al campo e ai risultati, d’altronde, è la cosa più importante.

Reggina contro Racing Fondi: la squadra che ha fatto più operazioni di mercato (19) contro quella che ne ha fatte di meno (4), la squadra che ha iniziato il 2018 con una vittoria contro quella, invece, che ha perso all’esordio nel nuovo anno.

SPAZIO AI NUMERI…

Alti e bassi per entrambe le squadre con la Reggina che sta ritrovando continuità ed il Fondi che è in piena caduta libera. Il Fondi, fino ad oggi, ha totalizzato 22 punti, frutto di 5 vittorie, 7 pareggi e 10 sconfitte (con 20 gol fatti e 26 subiti). La squadra laziale è reduce dal ko in trasferta a Siracusa (3-0). Reggina che si trova, invece, tre lunghezze sopra i rossoblù (quota 25) con uno score di 6 vittorie, 7 pareggi e 9 sconfitte (con 17 gol fatti e 26 subiti).

LE DUE SQUADRE DOPO IL MERCATO

Reggina rivoluzionata e arricchita con qualche elemento d’esperienza in più, Fondi con pochi innesti ma con gli stessi giocatori d’esperienza e di caratura superiore che hanno fatto la differenza finora. I vari Corvia, Lazzari, Vastola, Galasso, Ciotola e Nolè rappresentano quella fetta di squadra che ha militato prettamente in categorie superiori (Serie A e B) e che hanno più volte indirizzato la squadra verso la vittoria. Operazioni di mercato solo esclusivamente difensive per il Fondi, che ha ingaggiato Stikas, Mangraviti e Polverini (che ha preferito i rossoblù agli amaranto). Tutt’altro tipo di mercato, invece, per gli amaranto che hanno operato in tutti i reparti dinamici del campo. Squadra arricchita dall’esperienza di Castiglia, Giiffrida e Ferrani, ringiovanita da un trittico di attaccanti e di centrocampisti di qualità.

UN FIGLIO D’ARTE IL CUI PADRE FECE DOPPIETTA ALLA REGGINA

Tra le file fondine, inoltre, milita un figlio d’arte: Christian Maldini, figlio di Paolo. Si proprio quel Paolo Maldini. Il grande capitano e bandiera del Milan che nel lontano 2 Ottobre 2005 battè la Reggina grazie alla sua prima e ultima doppietta. Due grandi reti (una al 5′ e una al 20′) piegarono l’allora Reggina di Walter Mazzarri. La gara finì 2-1 con il classico gol della bandiera amaranto firmato Simone Cavalli.

(Video canale Youtube: Tuttolostadio)

CURIOSITÀ…

– La squadra del patron Pezone è l’unica squadra ad aver pareggiato contro Lecce e Catania.

– I laziali sono anche una delle peggiori squadre in trasferta con soli 9 punti.

– Il Fondi, inoltre, è una squadra che, in trasferta, segna prettamente nei secondi quarantacinque minuti (7/9).

– La coppia Lazzari-Corvia (8 reti in due) non ci sarà in questa gara per via di una squalifica da scontare.

– Così come all’andata, anche al ritorno la Reggina sarà la prima squadra ad “inaugurare” il nuovo allenatore dei laziali. Esonerato Mattei, dentro Sanderra, che farà il suo esordio al “Granillo”.

– “Granillo” che ospiterà per la seconda volta in assoluto il Fondi. L’unico precedente, infatti, risale alla vittoria amaranto della scorsa stagione firmata Coralli Bianchimano (2-1).

– I superstiti di quella gara sono 6: Licastro, Bianchimano, De Martino, Coletti, Tommaselli e Pompei.

– Il Fondi, inoltre, è stata la prima squadra che ha battuto l’Urbs Reggina 1914 targata Praticò.

– È una delle poche gare in cui non vi sono ex di turno.

LE PROBABILI FORMAZIONI

REGGINA (3-5-2): Cucchietti; Ferrani, Laezza, Gatti; Armeno, Marino, Castiglia, Provenzano, Hadžiosmanović; Sparacello, Bianchimano. All.Maurizi

FONDI (4-3-1-2): Elezaj; Paparusso, Vastola, Stikas, Galasso; Quaini, De Martino, Ricciardi, Addessi; Mastropietro, Nolè. All.Sanderra

L’ARBITRAGGIO

L’arbitro sarà Matteo Gariglio di Pinerolo, coadiuvato da Alfio Conti (Acireale) e Antonio Lalomia (Agrigento).

Commenti Facebook