Reggina, Licastro: “Stagione dura. In estate fui vicino a lasciare la mia Reggina, poi…”

      Commenti disabilitati su Reggina, Licastro: “Stagione dura. In estate fui vicino a lasciare la mia Reggina, poi…”

Mattia Licastro a 360° alla WebTv Amaranto

Il portiere della Reggina, Mattia Licastro, è stato ospite questa sera a Casa Reggina, alla trasmissione “A tu per tu” condotta dal responsabile della comunicazione della Reggina 1914 Giuseppe Praticò. Insieme a Licastro, ospite anche il centrocampista Marco Condemi.

Ecco le parole di Mattia Licastro:

Sulla prima presenza in campionato a Lentini – È stata una stagione molto dura sia dentro che fuori dal campo. All’inizio il primo impatto col campo è stato difficile visto che era da tanto che non giocavo, ma alla fine è andata molto bene.

Sull’esperienza a Bisceglie – È stata un’esperienza molto positiva. Era il primo anno fuori dal settore giovanile della Reggina nonché il mio primo impatto con ‘i grandi’. In questa esperienza sono cresciuto molto caratterialmente.

Sul mister Maurizi – Il mister è una bravissima persona. Tecnicamente è molto preparato, nulla da dire su di lui. Peccato per i cori durante le partite. I tifosi devono venire ad incitarci, non ad insultare il mister.

Sulla curva sud – Manca tantissimo. Quando giocavo in D e durante le partite cambiavo porta dalla sud alla nord sembra fosse un altro stadio. I tifosi ci mancano tanto.

Sul futuro – Spero di restare qui, ma ancora è presto per parlare. Prima finiamo il campionato, poi si vedrà…

Rimpianti per essere rimasto sempre a Reggio è per non aver spiccato il volo ? Devo dire di sì ma, ad esempio, quando sono andato a giocare a Bisceglie mi sono mancati i colori amaranto e la Reggina. Se ci sarà l’opportunità di cambiare aria, però, lo farò…

Sul rapporto col gruppo – Io sono un ragazzo molto leale che ride e scherza con tutti. Il nostro è un buon gruppo formato da bravissimi ragazzi.

Su Castiglia – Ci dispiace che Ivan abbia avuto un brutto infortunio. Speriamo torni presto in campo.

Sul rapporto con il presidente – Con lui ho avuto sempre un buon rapporto.

Prima Sala, poi Cucchietti – Auguro il meglio ad entrambi (Cucchietti e Sala). In Serie D è stato un anno dove ho ottenuto maggiori soddisfazioni.

Sui preparatori dei portieri – Ho avuto sempre la fortuna di trovare preparatori bravissimi. Quest’anno ho avuto Carmelo Roselli che è una persona fantastica. Eravamo tre portieri giovani ed è stato bravissimo a farci sentire importanti. Gli faccio i complimenti.

Sulle trattative in estate – Sono stato vicino a lasciare la mia Reggina, poi il destino ha voluto che rimanessi a Reggio. Squadre interessate ? La Ternana su tutte. Si parlava di uno scambio tra me e Sala.

Rammarico per non aver raggiunto i play-off ? Ad inizio campionato avevamo prefissato l’obiettivo della salvezza, poi durante questo campionato abbiamo lasciato diversi punti per strada, soprattutto in casa con il Fondi. Peccato per non aver raggiunto i play-off…

Su Giuffrida – È un calciatore di grande esperienza, ci ha dato una grossa mano. È una grande persona. Io ero a Vibo e di quello che si dice non ricordo tanto. Dà l’anima in ogni squadra in cui va, è una bravissima persona ed un uomo spogliatoio.

Su Bianchimano – Dal primo anno è cambiato tanto. Dalla prima volta che l’ho visto l’ho subito chiamato ‘cestista’. A primo impatto non mi è piaciuto tanto, ora è migliorato tantissimo ed è diventato un grandissimo attaccante. Gli auguro il meglio.

Su De Francesco – Alberto è una grandissima persona, lo sento tuttora che è a La Spezia. L’anno scorso non ho avuto molto contatto con lui, mentre quest’anno ho avuto un rapporto eccezionale. È una persona fantastica.

Sul rapporto con Cucchietti e Turrin – Con loro ho un rapporto eccezionale.

Su Sparacello – Sta facendo un lavoro sporco in attacco, peccato per i gol ma arriveranno pure per lui.

Su Condemi – È un giocatore fantastico, lo conosco da 10 anni e l’ho sempre detto. Ha tutte le carte in regola per giocare anche in Serie A.