Ex Reggina, Bianchi: “In C accetterei solo la Reggina. Quella storica salvezza…”

      Commenti disabilitati su Ex Reggina, Bianchi: “In C accetterei solo la Reggina. Quella storica salvezza…”

Un bomber da Serie A nonchè ex bomber amaranto. Rolando Bianchi, miglior cannoniere amaranto nella stagione di A 2006/07 (19 reti), ha parlato alla trasmissione Radio Reggio Più, condotta da Paolo Ficara. Diversi gli argomenti toccati dall’ex attaccante amaranto, ecco le sue parole:

“Mi sto allenando tutti i giorni, sono in perfetta forma. Aspetto qualche soluzione giusta anche se più passa il tempo e più mi sembra difficile… Valuterò eventuali offerte ma nel caso in cui non ce ne saranno provvederò a fare altro…”

“Ho avuto tantissime richieste dalla Serie C, ma in questa categoria accetterei solo la Reggina, una squadra che mu ha dato tanto. L’anno scorso ho fatto molto bene in Serie B, ho voglia di confrontarmi con quel livello. A Reggio la squadra c’è, in città ho ancora amici e la seguo molto. Spero possa tornare ai livelli che le competono, so che il presidente ci sta mettendo cuore ed anima. Auguro ai tifosi di poter rivivere grandi stagioni”.

Sulla storica salvezza (2006/07) – “Abbiamo fatto qualcosa di storico. Ogni volta che ne parlo mi vengono i brividi. Tutti ci davano per spacciati ma abbiamo avuto un grande allenatore, un grande gruppo, tutte persone che lavoravano in sintonia e un presidente che ha messo cuore e anima e che ha fatto. Abbiamo fatto qualcosa di unico ed irripetibile, un qualcosa entrato nella storia. Conservo ancora la targa della cittadinanza onoraria perchè sono onorato di esserlo in una città bella ed importante come Reggio.

L’addio alla Reggina – “Avevo praticamente definito con la Juventus perché Trezeguet non stava rinnovando. Io volevo andare alla Fiorentina perchè ritenevo perfetto Prandelli per la mia crescita come calciatore. Poi è arrivata un offerta economica importante, sia per me che per la Reggina, da parte del Manchester City ed abbiamo accettato. Ho fatto un importante esperienza di vita. Mi hanno criticato, ma sono andato via da capocannoniere della squadra. Nella finestra del mercato invernale tornai in Italia, alla Lazio, forse sbagliando la scelta per giocarmi le mie chance di arrivare in Nazionale”.

Un mio ritorno per tentare il salto di qualità ? La Reggina ha ottimi attaccanti che stanno dando l’anima. Sicuramente un’attaccante d’esperienza farebbe bene alla causa. 

Spero che la Reggina possa fare il salto di categoria anche se quello meridionale è un girone complicato. Credo comunque che possa fare grandi cose.

Su Bianchimano – Ha grandi doti, può fare cose importanti ma ci vuole tempo e pazienza. 

Quella curva – si riferisce alla stagione 2006/07 – era piena perchè in campo c’erano 11 animali pronti a tutto pur di raggiungere quell’obiettivo. Penso che in campo si debba scendere mettendo cuore e anima perchè i tifosi della Reggina vogliono vedere quello. In quell’anno vedere tutta quella gente è stata un’emozione unica. Auguro ai ragazzi di oggi di poter riportare la gente allo stadio perchè uno stadiocome Reggio, pieno, è il 12° uomo in campo. 

(Immagine – Maurizio Laganà)

Commenti Facebook